Pubblicato da: cescocesto | 3 dicembre 2009

December song

E chiamatemi sentimentale. Chiamatemi stupido, consumista, assoggettato al potere di Giochi Preziosi e Mondadori, ma io amo Dicembre e il Natale.

Amo le luci e le lucine in Via Grande e nelle vetrine, amo gli alberi vestiti a festa nei giardini condominiali, amo il freddo che ti costringe a stringerti nella sciarpa e a ficcare le mani in tasca perché altimenti ti trovi con due pezzi di ghiaccio attaccati alle braccia, amo rintanarmi in cucina ad annegare biscotti nella cioccolata calda ricoperta da un ingente strato di panna, amo fare sciopping natalizio per le persone che amo.

Lo so, lo so che Natale è la festa del consumismo, lo so che per molti è pura ipocrisia,  e i regali sono denti da togliersi perché “oddio se non glielo faccio e lui me l’ha fatto..”. Ma per me, figlio di genitori entrambi malati di lavoro e nipote di nonni altrettanto workaholic, Natale ha sempre rappresentato quelle due settimane in cui i miei erano in vacanza totale e potevano dedicarsi a me, condividendo il momento di fare l’albero, di attaccare le luci e di mangiare tutti insieme, per una volta senza fretta.

Ed oggi, a ventidue anni, per me è ancora così: certo, ora che siamo unversitari Dicembre è anche periodo di esame (“oddio, devo dare almeno tre esami per tentare di rimanere in pari con quelli dello scorso anno, oddiooddiooddio”), ma dopo, dopo quei giorni di stress e brufoli e paranoie arriva la quiete. La quiete del traffico cittadino, la quiete della città illuminata e stracolma di persone che imbracciano pesantissime buste straripanti. Perché, oggi come ieri, per me Natale è l’occasione di ritrovarmi con persone che non vedo da tanto, e dimostrare loro che le ho pensate, dando loro un regalino, un pensiero, il più possibile cucitogli addosso. È l’occasione di stare con mia madre, che mi dice “ooooh, com’è bello l’albero quest’anno” nonostante io usi le stesse decorazioni da secoli, l’occasione di dedicare del tempo a mia nonna e ai suoi racconti, l’occasione di passare un pomeriggio tranquillo con gli amici scaldandoci dentro casa e ridendo.

Il periodo di Natale è quel periodo dell’anno in cui mi svesto del cinismo degli undici mesi precedenti e ritrovo l’ingenuità e la serenità dell’infanzia, aspettando una nevicata che non arriverà mai, se non nei miei sogni.
E probabilmente se non riuscissi a fare una cosa del genere non troverei la forza di iniziare serenamente il nuovo anno.

Annunci

Responses

  1. Caro Cesco, avrai anche 11 mesi di cinismo ma, sotto sotto, sei un tenerone.
    Silvana

  2. Evviva, evviva! Finalmente è arrivato Natale e possiamo darci agli addobbi!

  3. concordo con silvanascricci.
    io sono più cinica, aspetto il pranzo di natale a casa di tata (la mia prozia) perché fa sempre i tortellini in brodo e i fegatini.

  4. Ciao! Ho letto un tuo commento su di un blog…e siccome sono fondamentalmente curioso sono approdato qui 😛 Per me che sono un amante viscerale del Natale leggere questo post è bellissimo!! Quindi quoto ogni parola e ti saluto! Ciaooooo!

  5. @laragazzaconlavaligia: anche a casa di mia nonna natale vuole dire tortellini in brodo, ma soprattutto.. lasagne! io ovviamente provvedo a prendere una doppia porzione di entrambi.

    @marco: mi spiace, ma sei capitato nel blog di una persona asssssolutamente non curiosa (pausa per risate di sottofondo). ti capisco benissimo, ho scovato tutti i blog che seguo aprendo link a caso in altri blog e forum!
    ah, ovviamente, benvenuto!

  6. eheheh le lasage qui ci sono pure tutto il resto dell’anno! xD
    te lo ridico anche qui, mi piace un sacco l’header innevato, con in pù le nevicate sul blog *-*

  7. Mi piacciono il nome del tuo blog, il tuo avatar e anche questo post.
    Mi ricorda tanto uno dei miei primissimi post, in cui anch’io parlavo di come vivo l’atmosfera natalizia, con quella gioia tutta da bimbi, felice e serena, francamente indifferente verso le teorie consumistiche e tuttequellestorielà.
    A me, quel post ha portato molto bene. Spero sia lo stesso per te 🙂

    • grazie per i complimenti, e benvenuta! (anche tu hai un blog davvero carino, che sto spulciando lentamente! :D)

  8. Prenditi pure tutto il tempo, ho intenzione di lasciarlo lì ancora per un bel pezzo!
    Potrebbe sembrare una minaccia… e in effetti è una minaccia 😉


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: