Pubblicato da: cescocesto | 9 febbraio 2010

Eluana, un anno dopo

Un anno fa moriva Eluana Englaro.

Dopo diciassette anni di stato vegetativo, il suo desiderio è stato esaudito.
Suo padre, che ha voluto compiere questo lungo percorso “alla luce del sole”, alla fine ha vinto la loro battaglia. Una battaglia affinché i desideri della figlia venissero rispettati fino in fondo.

Una battaglia accompagnata da scontri accesi tra membri dello stesso partito (sia nel PD che nel PdL), da opinioni non richieste di teologi e cardinali (la dignità della vita e blablabla), da cazzate sparate da medici che mentivano spudoratamente sulle condizioni di Eluana (circolò voce che deglutisse autonomamente, quando non era affatto così), da interminabili puntate di Porta a Porta con la Roccella e Marino (la prima che paragonava con tranquillità coma e stato vegetativo come fossero la stessa condizione, il secondo costantemente interrotto dal Vespone Nazionale), dall’allucinante “ma può rimanere incinta” di Berlusconi (che, invitato da Beppino Englaro, non è mai andato a trovare Eluana).

Un anno fa una vicenda strettamente familiare è diventata un caso nazionale, e chi avrebbe dovuto fare un passo indietro ne ha invece fatti dieci in avanti, impicciandosi di affari e sparando giudizi su materie di cui solo i medici specialisti dovrebbero essere autorizzati a parlare.

E oggi, anniversario della morte di Eluana, si torna a parlare della legge sul testamento biologico, da tempo arenata alla Camera (pensare che volevano approvarla per decreto..). La strategia è ben nota: non considerando alimentazione e idratazione forzate dei “trattamenti sanitari” ma semplici “supporti vitali”, si renderà impossibile rifiutarli, scongiurando la possibilità di un nuovo “caso Eluana”. Pare però che Fini e i suoi non siano d’accordo.
E così, di nuovo, ci tocca sperare in un fascista.

Annunci

Responses

  1. Sono stata indecisa se commentare e mica per il tuo post.
    Sai che ne ho parlato tantissimo l’anno scorso e sai della mia indignazione per quanto accaduto e per come è accaduto.
    Speravo, sinceramente, che ad un anno di distanza il sig. Englaro e sua figlia avesso il diritto di essere lasciati, finalmente, in pace.
    Ed invece NO, arriva il solito beota che per due o tre consensi in più butta in vacca tutto.
    E lo fa alla sua maniera, con volgarità, con opportunismo e con un’ipocrisai che lascia schifati.
    S.

  2. anch’io sono stato a lungo indeciso se scrivere o meno in merito all’argomento.
    ma a sentire le solite assurdità sparate a gratis (“tutta la popolazione era con noi”, quando nei sondaggi risultava che il 70-80% degli intervistati davano ragione agli englaro), ho deciso di tornare a parlarne. speriamo di non doverlo più fare, perché vorrebbe dire che “il solito beota” ha chiuso la bocca.

  3. Ti quoto o terzo gemello!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: