Pubblicato da: cescocesto | 6 luglio 2010

Sogni

Era da tanto che non ti sognavo.

E, lo ammetto, era da tanto che non ti pensavo.
Non consciamente, almeno.
Ma il subconscio si attiva sempre quando la mente è molto occupata.
E così, stanotte ti ho sognato.

Erano.. anni? che non mi succedeva.
Anche gli altri sogni, più o meno, erano capitati quando non ti pensavo da tanto.
E avevano sempre la solita struttura: io, qualche compagno di classe, qualche amico, e tu, invisibile per qualche motivo (una volta nessuno ti vedeva perché stavamo giocando a nascondino). Io che ti cerco, mentre progressivamente gli altri scompiono ed alla fine, quando ti trovo, scambiamo sempre qualche parola, che culmina nel tuo “Tu lo sai che io non posso stare qui”.
Nell’ultimo sogno però, ti guardavo scomparire, e all’epoca pensai che quel sogno aveva “chiuso il cerchio”.
Fino a stanotte.

Ti ho sognato in uno di quei sogni confusi, lunghi e articolati, pieni di elementi che appaiono e scompaiono, luoghi che cambiano di continuo e un sacco di persone.
Non uno di quei sogni che fai poco prima di svegliarti e che ricordi appena sveglio, ma di quelli che fai in piena notte, e ti ricordi a metà giornata se qualcosa te li fa venire in mente.
Ecco, io mi sono ricordato del sogno stamani, quando sono andato alla Pam a comprare il caffé (caffé finito in casa Pucciarini? Sacrebleuuu!). Una volta uscito di lì, slegando la bici, mi sono apparse davanti agli occhi alcune scene.

Ricordo solo dei flash: io e altre persone al supermercato, te davanti allo sportello dei surgelati, una bottiglia di vino in mano a qualcuno, un proiettile uscito chissà da dove. Elementi che non hanno nulla a che fare con la tua storia.
E poi io e te, da soli, davanti al bancone dei salumi (forse il mio subconscio aveva fame..), e le solite parole: “Non posso stare qui, lo sai”.
Però questa volta, a differenza delle altre, non ti volevo lasciar andare, e ti abbracciavo chiedendoti di non andartene.
E poi, il buio.

E ora, non so cosa pensare.

(si accettano volontari per analisi psicanalitica del sogno)

Annunci

Responses

  1. Forse questa volta non avevi i soldi per pagare…

  2. E’ uno di quei sogni che “cavoli, ma perchè ti dovevo sognare, proprio adesso…”
    E’ uno di quei sogni un po’ ribelli, che io amo definire “agrodolci”…
    A presto Cescocesto!

  3. sogni a tradimento.
    è capitato anche a me.

    • che poi ti svegli e sei pure spossato..

  4. E’ successo anche a me, e mi stupisco che mi ripeta le solite cose anche nei miei sogni. E’ capitato che mi svegliassi di botto…e dopo realizzi che era solo un sogno….a prescindere che non ci credo, questa cosa mi colpisce troppo da vicino.mai dire mai.

    • davvero dice le stesse cose anche nel tuo sogno? forse sogni del genere sono “tipici” di queste situazioni, chissà. io però non mi sono mai svegliato di botto, però il ricordo è sempre molto netto, soprattutto delle sensazioni provate.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: