Pubblicato da: cescocesto | 27 agosto 2010

“Tre calcettate in due giorni.. di lusso!”

Stefano/Holly dribbla Mark Lenders nel corso della prima partita

Stefano ama il calcio.

Stefano è bravo a giocare a calcio.

Stefano ama guardare il calcio e urlare davanti alla televisione prendendosela con l’arbitro cornuto di turno, il calciatore pippa di turno, l’avversario che ha fatto un gol stratosferico di turno.

Stefano aveva in programma “tre calcettate in due giorni”.
Ne ha portate a casa una e mezza: prima di finire la seconda gli è scoppiato un ginocchio.

Ora Stefano ha, invece di due ginocchia, un ginocchio e una noce di cocco (la prima
sera era un cocomero, la seconda un melone, da due sere a questa parte c’è stata una stabilizzazione sulla taglia noce di cocco).
E stazionano stabilmente sul divano del salotto.
Lui e il suo ginocchio/noce di cocco.

Con scarso tatto, Stefano è stato ribattezzato dal sottoscritto Clara (ma ne ho tutti i
diritti, visto che mi alzo e mi muovo per ogni sua necessità e lui si limita a rispondere al cordless strategicamente piazzato accanto alla sua testa sul bracciolo del divano).

Trosdi/Clara si improvvisa House con la sua nuova amica Heidi


In attesa di una risonanza magnetica dirimente (i menischi sono integri o sono ridotti a spezzatino? i legamenti sono ancora interi o hanno ceduto come il loro proprietario sul
duro cemento? il versamento è di uno, due, o tre litri?), Stefano aspetta paziente sul suo divano che gli venga consegnato il campanellino dorato che ha ordinato su ebay -nel frattempo non ha problemi a chiamare gli altri membri della famiglia berciando a più non posso- facendosi fare compagnia dai gatti che, a rotazione, vanno a stazionare sul suo buzzo e occupa il tempo libero seminando terrore tra i passanti con le sue stampelle e facendo loro diagnosi di malattie improbabili, conscio del talento diagnostico che deriva dall’infortunio di un arto inferiore.

Ah, ovviamente se chiedete a mia nonna notizie sulle sue condizioni, Stefano non si è
fatto male a un ginocchio, ma “è invalido”.

Annunci

Responses

  1. un augurio di pronta guarigione all’invalido. in fondo, se clara ha ripreso a camminare, perché lui no?
    ps. per quanto io abbia sempre tifato mark lenders contro holly – mark è un gran figo, anche se non tanto quanto benji – devo ammettere che il disegno è fantastico XD ma ora voglio anche io essere trasposta a fumetto!!!!!!

    • se ce l’ha fatta clara, ce la può fare pure lui.
      incrocia le dita che il risultato della risonanza di giovedì sia “tuttaposto, riprendi a cammiare e a giuocare al calciuo”, perché in caso di operazione prevedo periodo di allettamento seguito da ulteriore periodo di addivanamento. (orrore!)

      ps. questa cosa che mark lenders è un gran figo me la ripetevano pure un sacco di compagne di classe. avendo visto ben poche puntate di holly e benji (ed essendo poco interessato al mark in questione, aggiungerei), non mi sbilancio, ma mi fido del giudizio. aggiungo grazie dei complimenti, ti frutteranno una futura trasposizione a fumetto appena avrò qualche idea valida e 72 ore libere di fila (sì, sono ancora lento a usare gimp nonostante la tua lezione.. anche perché non credo metterò lo smalto ai personaggi del disegno).

  2. invalido? ammazza… sarebbe d’uopo una toccatina provvidenziale 🙂

    • ..e non contenta lo va ripetendo a tutti!

  3. Io ♥ ufficialmente tua nonna, i campanellini dorati (solo se li uso io), la versione House di Clara. E non lamentarti, l’invalido farebbe lo stesso per te. Forse.

    • mia nonna continua a collezionare nuovi fansss (ma sarà meglio non dirglielo che poi si monta la testa). 🙂
      mi fa piacere che HouseClara abbia riscosso succeso, e nel caso te lo stessi chiedendo, una ulteriore analisi ha dimostrato che il piede di Heidi non era in cancrena. HouseClara ha poi ipotizzato un piede dell’atleta e successivamente un deficit della notissima proteina “piedina”, ma nessuna delle sue diagnosi è stata ancora confermata.

      ma sì, dai, l’invalido farebbe lo stesso per me. credo.

  4. Tuo fratello ha troppe pretese; prima quella di giocarsi troppe partite e dopo quella di avere tutti a disposizione.
    (però per la seconda che ho detto lo capisco).

    • comunque mi ripaga prestando le sue chiappe alla scienza: posso fare pratica di punture di voltaren sul suo sedere e non si lamenta nemmeno troppo. 🙂


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: