Pubblicato da: cescocesto | 26 febbraio 2011

Le solite cazzate quotidiane by Berlu&Ratzy

“Cosa posso scrivere come primo intervento dopo la fine delle vacanze?” mi chiedevo giusto stamani.Poi ho acceso la televisione, e ho ascoltato gli svagellamenti dei due Grandi Vecchi: Berlusconi e Paparazzinghe.

Il primo si è lanciato in un’acidissima invettiva contro la scuola pubblica, i cui insegnanti sarebbero colpevi di “inculcare negli studenti principi che sono il contrario di quelli dei loro genitori”.
Non contento, ha poi aggiunto che non ci sarà mai “un’equiparazione tra matrimoni tradizionali e unioni gay” (quali unioni gay, di grazia?), tantomeno la concessione di adozioni per i genitori single.
Il fatto che fosse davanti alla platea del famosissimo movimento dei “cristiano riformisti” spiega molte cose.

Già abbondantemente incazzato per l’assurdità delle parole dette da un vecchio allupato che in realtà dei “principi cristiani” se ne sbatte agilmente, ho sentito poi le dichiarazioni di Penedetto XVI: “I medici devono difendere le donne dall’inganno dell’aborto”.
Ancora? Ancora? Sono passati più di trenta anni dalla legge sull’aborto, il numero delle persone che si dichiarano cattoliche in Italia è ai minimi storici, il gradimento nei confronti della Chiesa pure, e questo ritira fuori l’aborto?
Secondo Paparazzinghe “la donna viene spesso convinta, a volte dagli stessi medici, che l’aborto rappresenta non solo una scelta moralmente lecita, ma persino un doveroso atto terapeutico”. Traduzione, le donne sono delle sceme che si fanno abbindolare dai medici il cui passatempo preferito è frullare feti sani, belli e benedetti.
Io penso, da uomo, che nessun maschio possa capire cosa vuol dire avere “la vita che ti cresce dentro”. Per questo, mai e poi mai potremo capire il dolore di una donna che sceglie, per motivi economici, di salute (l’aborto “terapeutico” esiste eccome, spesso la gravidanza si porta dietro pericoli per la salute non solo del feto ma anche della madre), di scelte di vita, di non portare a termine una gravidanza.
Per questo il Papa, che non è una donna e comunque non sarà mai padre di un figlio, se ne deve stare abbondantemente zitto.

Sbollito l’incazzamento, mi dico: è su questi argomenti, su queste battaglie etiche che l’opposizione dovrebbe veramente farsi sentire, far capire di essere ALTERNATIVA ad una parte politica che ha visione arretrata della società, che nega l’adozione ai single, i diritti alle coppie gay e la libertà di scelta alle donne, tutto in nome della “giusta morale” e della “tutela della vita”. E dall’altra parte regala 5 milioni a quei cazzoni di allevatori veneti che si rifiutano di pagare le quote latte tagliandoli dai (già scarsi) fondi per la ricerca oncologica.
Qualcuno alzi la voce, qualcuno si faccia sentire.
Siete antiberlusconiani, questo l’abbiamo capito, ma siete davvero progressisti?
Mai come oggi questo termine mi sembra giusto, progressisti. Perché siamo indietro, paurosamente indietro. E ci serve il progresso. Nella visione della società, del mondo.
Partendo dalla famiglia stessa, che non è più da anni quella che dipinge la pubblicità, felice intorno ad un tavolo con 2,3 figli, di cui uno biondo coi boccoli.

Annunci

Responses

  1. ti sento bello incazzato…bravo figluolo!! da una parte va male. dall’altra peggio. sembra che l’unica alternativa a berlusconi sia l’antiberlusconismo!!
    nessun piano, nessun programma se non quello di abbattere il tiranno!! se sperano di poter governare così siamo quasi peggio di prima…

    io sono demoralizzatissima 😦

    • che ti devo dire franci, la corazzata prodiana antiberlusca vinse nel 2006, ma poi le palesi contraddizioni interne (dei diniani e dei mastelliani, e non di quelli di rifondazione come tutti vogliono far passare) fecero scoppiare tutto.
      ci vorrebbe un programma davvero alternativo, e su quello andrebbe costruita una coalizione. ma sanno che se ci provassero salterebbe il tavolo della discussione dopo nemmeno un minuto.
      pure il mio morale è sotto zero.

  2. ogni volta che scrivi un post in cui c’entrano le donne mi commuovo, e tiro un sospiro di sollievo pensando che per fortuna esistono dei veri uomini.

    detto questo, l’aborto. l’aborto è un diritto. ma..
    ..
    ne vogliamo riparlare?

    • Applausi per quella gran donna della Cortellesi

    • grazie vitty, è davvero un bel complimento. 😀

      vivavivaviva sempre la mitica cortellesi.

  3. Caro Cesco, non ti angustiare.
    C’è già chi ha sorpassato a destra e ha chiesto che i farmacisti possano fare obiezione di coscienza per la vendita della pillola del giorno dopo.
    Come vedi…

  4. Dopo questo concentrato d’incazzature son ben lieta di dirti BEN TORNATO!!!
    Per quanto riguarda il post.. bhè, c’è poco da dire, dato che la penso esattamente come te!

    • grazie effe! 😉
      ah, davvero la pensi come me? e io che ti facevo una berlusconiana convinta!

      • Al prossimo insulto ti gonfio di botte!
        ahahahahaha

  5. grazie francesco, ci sono dei giovani degni di essere definiti progressisti, non altrettanto da altre parti.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: