Pubblicato da: cescocesto | 29 dicembre 2011

Raffreddori e lettere d’amore

Mia dolcissima H.W.,

ti scrivo questa missiva sentendo ancora il tuo calore sul mio corpo.
Il ricordo del nostro ultimo incontro è ancora caldo nella mia mente.. e che incontro!
Non trovo altre parole per definirlo se non.. caldo. Bollente, direi.
Il tuo tocco sul mio corpo era gentile ma forte, delicato e deciso allo stesso tempo, lo sentivo avvolgere tutto me stesso, dalla punta dei capelli alla punta delle dita. E la consapevolezza che mia nonna fosse nella stanza accanto, consapevole di ciò che stavamo facendo.. ha reso il tutto ancora più inebriante.
Era da troppo tempo che non mi sentivo così, era da troppo tempo che il mio cuore era stretto in una morsa gelata.
Ti ringrazio quindi per il meraviglioso tempo che mi hai concesso, spero di rifarlo presto.. magari a casa mia!

Un abbraccio devoto, Cesco

Alla fide, è zuggezzo: bi zodo prezo il raffreddore.

(pausa soffiamento di naso)

Dicevamo?
Ah, sì! Saluti dal Polo!
Qua veleggiamo sui -credo- dieci gradi scarsi, io vivo dentro una (se non due) coperta di pile e sorseggio brodo bollente come fosse tè caldo. Mia mamma, che soffre patologicamente il caldo, quasi quasi è a suo agio in questa situazione; mio babbo ieri è sceso in cucina indossando degli improbabili pantaloncini per poi lamentarsi sbottando un “ho freddo alle ginocchia”; Clara è sempre a New York e tornerà giusto in tempo per testare la nuova caldaia (“ma io gli spengo il termosifone in camera per un mese!” cit. mio babbo).
Già, perché Babbo Natale ci ha portato una nuova caldaia. Con un po’ di ritardo rispetto al 25, ma l’ha portata.
È grande e bianca, è ad accumulo e a tiraggio forzato. Qualunque cosa voglia dire.
E ora San Emiliano Protettore della Caldaie la sta portando giù in cantina per montarla. Con non poche difficoltà, perché le scale per andare in cantina sono alquanto strette, e la caldaia è.. alquanto grossa. Tipo far passare un elefante dalla cruna di ago, per capirci. Con la differenza, fortunatamente, che la caldaia si può smontare e l’elefante no (almeno credo). Quindi S. Emiliano e il suo assistente hanno smontato l’enorme caldaia in due grossi pezzi, sono riusciti a far passare il primo e sono attualmente impegnati col secondo.
Io ho dato il mio contributo fornendo un asciugamano per far scorrere meglio la lamiera su cui poggiava il primo pezzo di caldaia e prestando loro le mie (ovviamente vergini) brugole. Quando si è cominciato a parlare di “chiave tubulare”, mi sono chiamato fuori.
Confidando che per stasera il caldo sia di nuovo di casa, infreddoliti (e raffreddati) abbracci a tutti.

Ps. caro Wim Hof, in questa settimana avrei proprio avuto bisogno di un po’ del tuo yoga antifreddo.


Responses

  1. ho una teoria: io sono un segno d’acqua e in qualunque casa vada porto umidità, muffa e perdite dai soffitti. a volte anche da sotto i pavimenti.
    quindi, visti i tuoi trascorsi con le caldaie, ci deve essere un inghippo simile, legato al fatto che il tuo è un segno d’aria. bisogna solo trovare il nesso (nonché capire perché mai l’acquario dovrebbe essere un segno d’aria).

    • beh, le caldaie vanno a gas, che è assimilabile all’aria, quindi la somma è presto fatta direi: il segno d’aria scombussola il gas che alimenta la caldaia e la fa scoppiare. (non chiedermi perché l’acquario non è segno d’acqua, me lo chiedo anch’io da una vita)

  2. L’Acquario è un segno di aria, non di acqua. Dicono che anticamente l’aria fosse circondata dall’acqua, o viceversa, comunque il legame tra i 2 elementi esiste. Anche l’immagine del segno parla chiaro: dall’anfora esce dell’acqua, ma come simbolo di conoscenza della mente, del pensiero, dunque come aria. Anche il simbolo grafico, così simile alle onde marine, sono in realtà onde elettriche.

    • che cosa affascinante. l’acquario è proprio uno dei segni “più ganzi”!😀


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: